GELSO e AMARENE…i frutti dimenticati, ricette & storia post 1


Il gelso un’autentica rarità:

Il gelso l’albero della seta: splendido tessuto creato dall’imperatore Huang Ti

che ne fece dono alla moglie quattordicenne.

Si narra che:

” Quando Dario III si arrese ad Alessandro Magno era vestito con abiti di seta talmente splendidi da indurre il vincitore a richiedere come bottino di guerra tonnellate di quel preziosissimo tessuto. Le carovane portarono la seta addosso di cammello dal cuore dell’Asia a Damasco in Siria, il punto di incontro commerciale tra Oriente e Occidente. La seta divenne un genere di lusso molto apprezzato anche in Grecia e poi a Roma. Giulio Cesare pretese per decreto che la seta fosse destinata al suo uso personale e alle toghe dei suoi ufficiali”

2015-06-20 19.39.192015-06-22 14.41.262015-06-20 19.39.282014-06-10 13.43.182014-06-10 13.31.122014-06-10 13.23.472014-06-10 13.30.422014-06-10 13.47.372015-06-22 20.24.132015-06-20 19.43.242015-06-24 09.21.362015-06-23 15.31.292014-06-10 13.32.532015-06-24 16.24.20

 ricetta

Composta di Amarene e more di gelso

2015-06-23 14.28.252014-06-10 13.42.452015-06-24 09.21.36 - Copia2015-06-24 09.19.21

ingredienti 

800 g di more di gelso

400 g di amarene snocciolate

1 bicchierino di maraschino

300 g di fruttosio

1 limone

1 l di acqua

come fare:

  1.  Mondate , lavate e lasciate scolare le more di gelso.
  2. Nel frattempo portare a bollore l”acqua con o zucchero.
  3. Quindi versate le more e cuocete ancora per qualche minuto.
  4. Snocciolate le amarene e cuocetele 2 minuti con limone e 3 cucchiai di maraschino.
  5. Aggiungetele poi alle more precedentemente preparate fate cuocere ancora per 1 minuto amalgamare bene i 2 sapori.
  6. Raccogliere i frutti con una schiumarola e metteteli da parte.
  7. Aggiungere al liquido la scorza di limone far sobbollire e rimettere di nuovo il composto di frutta, finché non si sarà ben addensato.
  8. Mettere ancora caldo nei barattoli e sterilizzateli per 10 minuti da quando l’acqua comincia a bollire.

2015-06-15 19.23.362015-06-23 15.31.292015-06-23 14.28.342015-06-22 14.41.502015-06-15 12.57.28

 Il Gelso…chi sono

2015-06-15 15.38.032015-06-13 13.09.252015-06-05 16.44.53

Il mio nome in latino è” Morus Celsa” che significa “more in alto” ho questo nome per distinguermi dalle more di rovo,posso raggiungere 15 metri di altezza e vivere 150 anni. Le mie more si chiamano “nigra” quella nera e “alba” quella bianca.

Le mie proprietà sono molteplici:

  • l’infuso delle mie foglie come antibiotico
  • la mia corteccia e le mie radici, hanno proprietà analgesiche, diuretiche, combattono i parassiti intestinali
  • i miei frutti sono ottimi lassativi e diuretici.
  • Con il decotto delle mie more e zucchero si può fare uno sciroppo espettorante e sedativo della tosse.
  • la ” morus alba” ha proprietà antireumatiche e rinfrescanti.

Crostata meringata di ciliegie

con Composta di more di gelso e amarene


2015-06-24 09.20.52

dosi per 6 persone

Per la pasta frolla

ingredienti per la farcitura e per la rifinitura

700 g di ciliegie nere

gelatina di rose (per la ricetta vedi post)

https://nonsolononna.wordpress.com/2015/06/14/gelatina-di-pe…i-del-tramonto

composta di gelso e amarene (vedi ricetta nel post)

4 bianchi di uovo

4 cucchiai di zucchero a velo

1 spicchio di limone


2015-06-23 19.04.322015-06-23 19.36.16

come fare:

come fare per la rifinitura:

  • Montare gli albumi tenuti da parte con lo zucchero a velo e il succo dello spicchio di limone, trasferirli poi in una tasca da pasticciere.
  • Togliere la crostata dal forno, ricoprirla con ciuffetti di albumi e passate sotto al grill per 10 minuti.
  • Servite la crostata fredda.

2015-06-22 20.20.452015-06-22 20.25.432015-06-22 20.47.012015-06-23 19.04.422015-06-23 19.33.392015-06-23 19.31.482015-06-24 16.24.202015-06-24 16.24.41

La leggenda dice che:

Ovidio narra che Piramo e Tisbe, i Romeo e Giulietta dell’età più moderna, osteggiati nel loro amore dalle rispettiva famiigliie, si uccisero e che il loro sangue colorò di nero le more bianche dell’albero di gelso…ma sono solo legge nde perchè le 2 specie già esistevano.

      2015-01-31 17.11.502014-12-31 09.31.232015-01-10 13.50.572015-01-19 17.03.22

 

dedicato a te…che adori le ciliegie, quanto i nostri rifugi segreti<3<3<3

Annunci

42 responses to this post.

  1. ciao manuuu!!!! quando leggo i tuoi post immagino anche gli odori e i sqpori che descrivi!!!! non conosco i gelsi purtroppo…!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

    • ciaooo Alessia, grazie per il tuo splendido commento, il gelso è un bellissimo albero molto antico come si può leggere nel mio post… il baco da seta si nutre delle foglie di questo albero, senza il gelso non esisterebbe il meraviglioso tessuto che è la seta.bacio a prestissimo<3

      Mi piace

      Rispondi

  2. Complimenti Manuela, post bellissimo, sei molto fortunata a vivere in un posto del genere, foto meravigliose, sento in bocca il sapore un po’ acidulo delle amarene che qua da noi stanno quasi scomparendo, i gelsi li troverei c’è un grande albero qui accanto casa mia, dalla mia mamma, non mi piacciono ci andavo matta da piccola ora non più.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

    • Ciaooo! Giovanna, grazie 1000 per il tuo delizioso commento, di amarene ne ho diversi alberi li ha piantati mio padre diversi anni fa, le piaceva fare il Kirsch, invece per le more di gelso a me è successo esattamente l’incontrario, da piccola non mi piacevano adoravo quelle di rovo, adesso che ho imparato a fare con loro gelatine e marmellate e ne conosco le proprietà benefiche cerco di farne provvista…aspettando il gelo invernale bacio a presto<3 Manuela

      Liked by 1 persona

      Rispondi

  3. Posted by Paola on 21/08/2015 at 17:28

    Ciao Manuela, sai che ho assaggiato le more di gelso solo la primavera scorsa? Sono deliziose e l’idea di accompagnarle con le amarene mi sembra ottima. Grazie per i suggerimenti delle torte e per le meravigliose fotografie! Non basta abitare in un posto bello, tu ci fai partecipi di tanta bellezza.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

    • Ciaooo! Paola, è un miracolo riuscirne ancora a trovare, è un albero antico e nessuno ne pianta più, ma in Emilia è più comune, infatti le more bianche che vedi nella foto le ho prese a Reggio Emilia da quell’albero nella foto che ha più di 100 anni, mentre ne ho altri 3 alberi in luoghi diversi, alberi che custodisco gelosamente, sono una fonte di salute incredibile…ne ho anche congelate per le granite e i gelati che sono tipici della Sicilia ma che io adoro fare in Estate. Un abbraccio e buona serata

      Mi piace

      Rispondi

    • dimenticavo Paola, ti ringrazio tanto per il tuo delizioso commento…sono felice di farti partecipare e che ti sia piaciuto il post<3 a presto

      Mi piace

      Rispondi

  4. Sempre più meravigliato e soddisfatto per la qualità di questo blog

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  5. Posted by Ralph on 20/08/2015 at 22:34

    What a delightful array of fruits and photographs Manela. Loved them ! 😀 ❤

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  6. Quando ti penso, immagino sempre che tu viva in un posto incantato, circondata da questi mille doni della natura e dalla stessa prescelta per trasformarli in cotali delizie. Di questi dolci mi è già arrivato il profumo, se me ne mandi un po’ mi rendi felice. 😉 Sappilo!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

    • Grazie 1000 per il tuo commento, in effetti il posto è magico, sono immersa nella natura dalla mattina alla sera e riesco a seguire passo passo i suoi cambiamenti e deliziarmi dei suoi colori e profumi ogni giorno, anche i miei piatti seguono lei, cucino con ciò che di fresco la natura mi offre, si mi sento molto fortunata ad avere questo privilegio…in quanto al dolcetto questo è veramente buono, profumato e leggero…non si può spedire naturalmente , ma ti invito ad assaggiarlo, ne farò uno solo per te quando riuscirai a passare dalla Toscana e venirmi a visitare sarei felicissima di farti conoscere questo luoogo incantato. Un bacio ❤ Manuela

      Liked by 1 persona

      Rispondi

  7. Che bellezza. Gelsi ancora se ne trovano qui nella bassa. Le amarene le ho i giardino. Davvero una meraviglia da copiare!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  8. Stupende le immagini e complimenti per le ricette!
    Un abbraccio

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  9. Che sogno Manuela! Ho condiviso con mio marito le fotografie delle tue amarene, del panorama sullo sfondo e della crostata e ti abbiamo affettuosamente invidiata entrambi!! Buona serata cara.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

    • Silva sei come sempre di un carino nei tuoi commenti che mi emoziona, grazie 1000 a te e a tuo marito che ha condiviso la visione del post e dell’affetto dimostrato. Un grande abbraccio <3<3<3 buona serata

      Mi piace

      Rispondi

  10. Meravigliosa come sempre…. 😉

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  11. Posted by Lory on 20/08/2015 at 16:30

    Bellissimo post,complimenti.I gelsi li adoro e anche i tuoi dolci

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  12. Buonissimi i gelsi! Sia quelli bianchi che i neri.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La poesia porta lontano - Poetry goes far away

Marco Vasselli's blog from 2006 - Powered by Sabina , Laura Lena Forgia, Alexis Ghidoni , Anna Guarraia, Carlo Gori ♥ Undicesimo anno ♥

Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

Chiara Monique

Official Blog

LoShame

Fashion Blogger

AMERICA ON COFFEE

Americans' daily coffee ritual.....

VALENTINE MOONRISE

Parole di una sconosciuta

lettererumorose

Chi accumula libri accumula desideri; e chi ha molti desideri è molto giovane, anche a ottant’anni. (Ugo Ojetti)

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

dani58blog

semplicemente. . . . . emozioni

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Matrimonio Cristiano

via di santità e felicità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: