VANIGLIA…”ORCHIDEA DELL’AMORE”, le ricette di San Valentino & un amore antico…molto antico


L’Amore dell’Imperatore

 

“Un’ora di sole lo faceva mutare dal colore del gelsomino a quello del miele(…)

il broncio delle labbra s’impregnava di un’amarezza ardente, d’una sazietà triste,

in verità, quel volto mutava, come se ogni notte e ogni giorno io lo avessi scolpito”.

Publio Elio Traiano Adriano

meglio noto come :

Imperatore Adriano

***

Manca  2 giorni a San Valentino…e ora di pensare a qualche ricetta da realizzare per questo giorno speciale

 eccomi dunque a…

parlare  d‘Amore, di Storie d’Amore, e naturalmente di Ricette d’Amore.

 

Orchidea dell’Amore

 

vaniglia fiore

 La nascita della vaniglia risale all’ epoca dei nativi Totonaco, abitanti della valle Maantla, situata nel golfo della costa messicana, vicino alla città oggi chiamata Vera Cruz. Essi furono i primi a carpire i segreti della pianta: sembra infatti che l’orchidea tropicale sia frutto del “travagliato amore” della principessa Xanat – alla quale erano state impedite le nozze dal padre – la quale, dopo essere fuggita nel bosco insieme al suo amante, fu prima catturata e poi decapitata; il sangue che sgorgò sul suolo diede vita alla pianta a lei dedicata. 

” Il fiore di Vaniglia può essere fecondato un solo giorno” 

 

impollinazione vaniglia

 

Il cibo dell’Amore…?

La vanilla planifolia è una splendida orchidea dalle foglie grasse e lunghe liane con le quali si arrampica attorno ai fusti di altre piante. La scoprirono gli Atzechi nelle loro foreste tropicali e la usarono per aromatizzare il “cibo degli dei” ovvero il cioccolato. La elessero il cibo dell’amore, la vaniglia la utilizzo molto nei dolci, ma ho cominciato ad apprezzarla molto anche abbinata ai crostacei e soprattutto nella salsa in abbinamento sciolta in un goccio di Armagnac e panna. Il suo aroma nelle carni arrosto è celestiale.

 Ricette d’Amore

 

2013-12-14 11.39.022013-12-18 15.41.512013-12-16 15.01.332013-12-14 11.39.202013-12-14 11.38.542013-12-18 18.00.25

 

Scampi alla vaniglia

 e flan di topinambur con spezie e zafferano (piccante)

 

ingredienti

6 scampi grandi

4 carciofi

zafferano 1 bustina

6 stecche di vaniglia svuotate dai semi

500 g di topinambur

5 uova

80 g di panna

 come fare:

  • Fare seccare la vaniglia al forno a 60°per 8 ore.
  • Cuocere il topinambur in poca acqua, passateli nel mixer, unite panna e uova.
  • Riempite 4 stampini individuali unti di olio e fateli cuocere a bagnomaria per 30° a 180°C.
  • Private del carapace gli scampi, infilzateli sul dorso con baccelli di vaniglia e cuoceteli in padella con olio e 1 cucchiaio di panna
  • Dividete i cuori di carciofo e fateli a fettine metteteli a cuocere in olio 2 cucchiai di panna e lo zafferano a fili aggiungere del pepe.
  • Servire in piatto rettangolare 2 scampi carciofi in salsa e il flan di topinambur

 

2013-12-20 11.52.582013-12-16 15.39.182013-12-18 13.14.362013-12-18 13.14.232013-12-19 17.31.262013-12-20 11.46.44

 

“Vitello alla Vaniglia”

con sugo di carne profumato al caffè

 

800 g di filetto di vitello

2 stecche di vaniglia private di semi e seccate in forno

10 cucchiai di sugo dove è stato cotto l’arrosto

qualche chicco di caffè tostato in forno

olio-sale-pepe

come fare:

  • Tagliare la carne in quattro parti uguali, fare una piccola incisione e inserire la vaniglia.
  • Scaldare il sugo di arrosto, e unire i 10 chicchi di caffè tostati e lasciare in infusione per 30 minuti.
  • Rosolare i filetti in padella con olio, passateli in forno a 180°C  per 8-10 minuti.
  • Filtrare il sugo al passino, scaldatelo e condite i filetti posti sul piatto.
  • Aggiungere un cuoricino di pasta sfoglia con “mini messaggio d’amore”

 

 

vaniglia baccelli2013-12-17 12.36.12vaniglia12              

 

Bavarese di vaniglia

2015-01-27 14.19.29

2015-01-27 13.32.462015-01-26 13.57.512015-01-26 13.54.132015-01-27 13.29.57

 

con cuoricini al rosolio

Ingredienti per 10 porzioni:

Latte cl    50
Panna cl    50
Zucchero g    200
Tuorli d’uovo n    8
Colla di pesce g    12
Vaniglia  n    1 stecca
Limone n    1

Procedimento:
In una bastardella mettere la colla di pesce ad ammorbidire in abbondante acqua e ghiaccio.
Portare ad ebollizione il latte con metà zucchero, la scorza di limone e la stecca di vaniglia( io aggiungo anche 8 gocce di estratto di vaniglia) tagliata a metà.
A parte lavorare i tuorli d’uovo con il restante zucchero.
Versare il latte bollente sul composto, stemperarlo con cura, riportare sul fuoco e riscaldare fino a 85°C cuocendoli lentamente.
Togliere dal fuoco e aggiungere la colla di pesce strizzata.
Passare il composto al setaccio e lasciar raffreddare.
Nel frattempo, montare la panna e appena la crema sarà a temperatura ambiente incorporare delicatamente la panna, trasferire la bavarese negli stampi o in coppe di vetro e riporle in frigorifero per alcune ore.
Porre sul fuoco un pentolino d’acqua e appena sarà divenuta calda  immergervi lo stampo per qualche secondo, inserire la lama di un coltellino e ruotando la bavarese su se stessa, staccarla dalle pareti.

 

un po’ di storia:

l’amore dell’imperatore

Publio Elio Traiano Adriano, meglio detto Adriano… fu secondo gli storici “l’imperatore buono”.

Regnò dal 117 dopo Cristo fino alla sua morte, avvenuta nel 138, appassionato di ellenismo e innamorato della Grecia, mantenne le conquiste del suo predeccessore Traiano, e il suo governo su Roma e l’Impero fù caratterizzato da tolleranza, efficienza e splendore delle arti.

Grande passione per la poesia, la musica, e la filosofia, ma…la grande passione per il suo AMORE il giovanissimo Antinoo, che lo accompagnò nei suoi viaggi e morì suicida: ” Un’ora di sole lo faceva mutare  dal colore del gelsomino  a quello del miele(…), il broncio delle labbra s’impregnava di un’amarezza ardente, d’una sazietà triste . In verità, quel volto mutava, come se ogni notte e ogni giorno io l’avessi scolpito”.

L’Imperatore che fondò il suo regno su 3 principi: “humanitas, libertas, felicitas”

 


2013-12-18 17.58.35
foglia a cuore

Amore...non può che significare:

” Consegnarsi in ostaggio al destino”

Zygmunt Bauman

 

 

Annunci

19 responses to this post.

  1. Un grande abbraccio bellissima amica che giochi con i mille colori, e i mille sapori.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  2. finalmente ti ho ritrovata wp fa le bizze non mi inviava gli avvisi dei tuoi post. Un abbraccio

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  3. L’amore che questo post mi trasmette è quello per la creatività, la natura e la storia di ogni preziosa delizia che essa sa donarci. Leggerti è come approdare in un’oasi di pace e buongusto.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  4. Posted by Paola on 14/02/2016 at 16:07

    Incantata come sempre!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  5. Amo i fiori e le piante, eppure non mi ero mai documentata sulla vaniglia. Una pianta meravigliosa. Grazie. Le ricette sono davvero interessanti. Per me il binomio vaniglia-dolce era assoluto!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  6. Hanno fatto un bellissimo film sull’imperatore Adriano: Thermae Romae! Bellissime ricette, adoro la vaniglia 😀

    Liked by 1 persona

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Brainisntafterthought

HER YENİ GÜN YENİ BİR SEN OL

WilliWash

A Magazine That Delves Into All Things LIFE.

La poesia porta lontano - Poetry goes far away

Marco Vasselli's blog from 2006 - Powered by Sabina , Laura Lena Forgia, Alexis Ghidoni , Anna Guarraia, Carlo Gori ♥ Undicesimo anno ♥

Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

Chiara Monique

Official Blog

loshame.wordpress.com/

Fashion Blogger

AMERICA ON COFFEE

Americans' daily coffee ritual.....

VALENTINE MOONRISE

Parole di una sconosciuta

lettererumorose

Chi accumula libri accumula desideri; e chi ha molti desideri è molto giovane, anche a ottant’anni. (Ugo Ojetti)

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: