Archive for the ‘piante medicinali’ Category

24 GIUGNO…la Magica notte di San Giovanni


 

24 Giugno  la luna sopra di me…è magica

2012-05-05 19.36.26

Nei secoli si affermò la credenza che le noci acquistassero valenza magica se raccolte nella notte di San Giovanni il 24 Giugno..
Le mie noci sono pronte …come ogni Anno in questa giornata ho raccolto le 24 noci , giunte ad ottima maturazione, ma ancora acerbe e ho preparato il mio liquore digestivo preferito… il ” mitico Nocino”. Ancora adesso è al sole nella mia veranda…
 
 
2013-05-30 13.28.022013-05-30 13.27.08
 

“Son disceso nel giardino dei noci

Per vedere i germogli della valle

Per vedere se han germinato le viti”.

(Cantico dei Cantici)
 
***

Ricetta

 

Nocino

 

” fatto in casa” 
 

2014-07-07 15.02.18

 
 

ingredienti

24 noci raccolte il 24 Giugno
1 l di alcool
350 g di zucchero
15 chiodi di garofano
5 g di china
6 g di noce moscata
6 g di calamo aromatico
come fare
  • Lavare e tagliare a pezzetti ( senza sgusciarle )le noci acerbe.
  • Tenerle in infusione con l’alcool al sole per 40 giorni.
  • Filtrare, aggiungere lo sciroppo ottenuto facendo bollire 1/2 l di acqua con lo zucchero e il resto degli ingredienti.
  • Lasciare al sole altri 20 giorni, filtrare, imbottigliare e mettere in un posto buio.
  • Dopo 2 settimane e buono da bere.

2014-07-07 13.14.55 2014-07-07 13.14.18

2014-07-07 13.36.49

2014-07-07 15.02.18

2014-07-07 15.03.562014-07-15 12.01.10

Ricetta

“Semifreddo al Nocino”

 

2014-07-16 16.54.27

 

 

Dosi per 4 persone:

500 g di panna

100 g di zucchero

100 g di noci tritate finemente

50 g di pan di spagna o savoiardi

1 bicchierino di nocino

la buccia grattugiata di 1 arancia

1 cucchiaio di cacao in polvere

 

 

2014-07-16 16.54.502014-07-15 19.51.202014-07-15 12.01.41

 

 

come fare:

  • Mettete tutti gli ingredienti in una terrina e mescolateli con cura insieme ai savoiardi o al pan di spagna sbriciolato.
  • Una volta ottenuto un morbido composto, versatelo in uno stampo di alluminio da cake e mettetelo nel congelatore
  • Il giorno successivo potete servire il semifreddo tagLiandolo a fette , con sopra ogni fetta 1 noce sminuzzata e 1 cucchiaino di nocino.
  • Risultato; avrete  un ottimo “dolce digestivo”.

 

Curiosità

2014-07-15 15.57.522014-07-15 15.58.062014-07-15 15.58.312014-07-15 15.58.412014-07-15 15.59.00

Curiosità

Si dice che il noce sia “l’albero delle streghe” perché nella stagione invernale i sui rami privi di foglie, assomigliano ai capelli delle fattucchiere. Ma non è l’unica credenza che accosta il maestoso e solitario albero al mondo dell’ambiguo e del mistero, i popoli del nord Europa, per esempio attribuivano alla noce significati tenebrosi e notturni. E non a caso questa pianta veniva scelta da streghe e stregoni per celebrare il sabba infernale, l’omaggio a Lucifero, signore delle potenze malefiche che secondo alcuni si svolgeva una volta all’anno nella notte tra il 30 Aprile e il primo Maggio. (notte che rievoca per 2 volte Goethe nel suo “Faust”e secondo altri tutti i Sabati, come sembrerebbe confermare il nome Sabba.
Con le invasioni barbariche questa tradizione si diffuse anche in Italia, dove assunse forme e tradizioni diverse: fra tutte la più celebre legata ad un Nocio di Benevento.

Le prime testimonianze risalgono al XVI secolo. Si narrava che le streghe arrivassero qui in volo da luoghi spesso lontani formulando queste parole:

“unguento unguento mandame alla noce de benevento supra acqua et supra vento et supra omne maltempo”.

Vi sono molte testimonianze di verbali ai processi contro le streghe e pare anche una predica di San Bernardino da Siena. Infine, la conclusione circa il culto del noce di Benevento può ragionevolmente collegarsi ad un culto di stampo sacrale: gli oggetti posti sull’albero si credevano posti sotto un alone sacro e a volte potevano svolgere la funzione di ex-voto. Si tratta di una tradizione simbolica che affonda le sue origini in epoca greco-romana, ma anche gli egizi e gli etruschi ne fecero uso, e che ha mantenuto la sua forza attraversando anche il folklore popolare e giungendo alla cristianità.

2013-05-30 13.28.02
Un po’ di Storia: I suoi frutti per forma e contenuto , hanno la stessa forma dei testicoli e della testa umana, sembra che fossero indicati a curare le malattie della mente  e dell’amore. Così grazie al valore simbolico e all’eccezionale potere corroborante alle noci si riconoscevano virtù afrodisiache. Da Plinio il vecchio sappiamo che le noci erano l’emblema della stabilità nel matrimonio e da Virgilio apprendiamo che non mancavano mai ad un banchetto nunziale, (così come lui stesso attesta ” prepara nuove fiaccole, ti si conduce la sposa: spargi o marito le noci”). E grazie a Servio grammatico latino, vissuto nel IV secolo dopo Cristo che siamo informati  sui motivi per cui esse venivano lanciate in aria e offerte durante le cerimonie nunziali (come oggi noi facciamo con il riso e confetti). Dedicate a Giove , perciò definite ” cibo degli Dei” venivavano gettate per ottenere gli auspici di Giove, che ne era il protettore, poi il crocchiare dei frutti gettati serviva a coprire  le grida della sposa, di cui si simulava il rapimento, e infine per sollecitarne le supposte proprietà afrodisiache.le sue proprietà

 Oggi a questo frutto oleoso ricco di grassi, calcio, ferro e sali minerali, vengono riconosciute molte qualità. Tonico del sistema nervoso, antisettico ed emolliente per la pelle, colorante per i capelli e abbronzanti.Chi sa utilizzare bene le noci ha una marcia in più nella salute.

 

 

il vero amore può nascondersi, confondersi, ma non può perdersi mai. Sempre e per sempre dalla stessa parte mi troverai.

Francesco De Gregori, Sempre e per sempre

*

  

Soufflè di Primavera…con 13 ERBE SPONTANEE, delizioso e molto economico…


in occasione della 7 giorni di erbe selvatiche…

il mio delizioso soufflè primaverile

 

Credere

Credere
e nella natura
lasciarsi trasportare
divenire parte di essa
per assaporare
l’altro
quel che è celato
agli occhi
e visibile al cuore.
 Poesia  dal blog  Il mio giornale di bordo 

antodesimone.wordpress.com/

 

2015-04-10 17.24.522015-04-10 17.35.162015-04-10 16.53.582015-04-10 16.52.19

 In cucina con Nonsolononna e le sue… erbe selvatiche

Uno degli insegnamenti più grandi lasciatomi da mia nonna è stato di osservare con attenzione ogni erba del prato. Lei aveva vissuto con 4 figli i grandi momenti di carestia dovuti alla guerra, aveva un piccolo orto e  seguiva molto le usanze in cucina che avevano allora i conventi Francescani,  attraverso la parola di San Francesco erano abituati a lodare qualsiasi creatura vivente. Lei conosceva il nome delle erbe spontanee che crescevano nel proprio orto e intorno ai campi vicino e sapeva come servirsene, ricavandone veri e propri manicaretti.

Molte delle piante che solitamente chiamiamo infestanti, sono spesso a nostra insaputa delle” prelibatezze in cucina”, impensabile per me, che ero abituata fino a qualche anno fa a frequentare solo Supermercati o grandi negozi.

 Adesso parlerò delle loro…Proprietà Nutrizionali.

Le erbe spontanee sono un’ottimo antiossidante naturale che neutralizza i radicali liberi, preservando le nostre cellule dall’invecchiamento precoce e da svariate patologie come la gotta e lo scorbuto, contengono elevate concentrazioni di sali minerali, calcio, ferro, magnesio e potassio e soprattutto vitamine A, C, E, acido folico, riboflavina e contenuto maggiore di fibre rispetto agli altri ortaggi coltivati. In queste erbe sono quasi assenti i lipidi e i carboidrati.

     2015-04-10 17.26.112015-04-10 17.28.542015-04-10 17.24.122015-04-11 13.01.29 - Copia2015-04-10 17.40.30 - Copia2015-04-11 12.58.14 - Copia

Soufflé di Primavera alle 13 erbe spontanee

questa  ricetta è stata elaborata da me…è un’insieme di tante piccole  ricette tra le più antiche  della cucina tradizionale popolare.
  2015-04-10 17.26.282015-04-13 13.25.02

Ingredienti

12 erbe spontanee

2 cuori di carciofi

2 finocchi  tagliati a fettine fini

4 fili di erba cipollina spontanea compresa di bulbo

6 uova bio

1/2 bicchiere panna magra bio

1/2 bicchiere di latte

4 cucchiai di olio extra vergine di oliva

20 g di pecorino stagionato

30 g di parmigiano grattugiato

noce moscata

sale e pepe

1 noce di burro

Quali erbe raccogliere:

Le prime 4 erbe spontanee raccolte(partendo dall’alto del vassoio) sono:

Tarassaco-Foglie di PrimulaCimette di AparinaTimo Selvatico

2015-04-11 13.24.24 - Copia2015-04-10 16.58.202015-04-11 13.27.07 - Copia 2015-04-10 17.06.46

Le seconde 4 erbe spontanee raccolte(partendo dall’alto del vassoio) sono:

Cimette selvatiche di rapaOmbrellino pugliese Bocci di radicchio selvaticoCarota Selvatica

2015-04-11 13.23.48 - Copia2015-04-11 13.00.41 - Copia2015-04-11 14.28.45 - Copia2015-04-10 17.17.13

Le terze 4 erbe spontanee raccolte(partendo dall’alto del vassoio) sono:

Asparago Selvatico- Melissa- Foglie di finocchio– Piantaggine
2015-04-11 14.32.182015-04-10 17.20.232015-04-13 12.40.212015-04-10 16.33.30
 
ho poi aggiunto 2 cuori di carciofi e 2 finocchi a fettine… un vero piatto ricco di Salute e di Primavera
2015-04-13 12.40.05 - Copia2015-04-11 14.28.19 - Copia2015-04-13 13.16.482015-04-13 12.48.43
come fare:
  1. Pulire con abbondante acqua le 13 erbe, e lessare brevemente a vapore,( così rimarranno integre le proprietà nutrizionali), tutte le 12 erbe escluso l’erba cipollina.
  2. Tagliare a fettine sia i carciofi che i finocchi, cuocerli leggermente a vapore.
  3. In una padella mettere 4 cucchiai di olio, i 4 bulbi di erba cipollina tagliata a pezzetti e le foglie sminuzzate.
  4. Aggiungere le erbe lessate a vapore, i carciofi e i finocchi e saltare per 5 minuti aggiungendo 3 cucchiai di acqua e 2 di olio di oliva.
  5. In una terrina sbattere 6 uova, solo tuorli con 1/2 bicchiere di latte e 1/2 bicchiere di panna magra, noce moscata, sale e pepe, abbondante parmigiano con 30 g di pecorino stagionato.
  6. Aggiungere all’impasto di tuorli, quello delle erbe con finocchi e carciofi, fatte cuocere precedentemente nell’erba cipollina e olio di oliva.
  7. Sbattere a neve le 6 chiare d’uovo e aggiungerle con un lento movimento dal basso verso l’alto all’impasto di tuorli e erbe.
  8. Cospargere il fondo delle pirofile con burro e passare poi pangrattato, versarvi l’impasto e livellare bene, non devono rimanere bolle di aria.
  9. Cuocere in forno ventilato a 180° precedentemente riscaldato, per circa 35 minuti, non aprire il forno fino a cottura ultimata, altrimenti il soufflè si sgonfia.
2015-04-10 17.33.192015-04-13 13.15.062015-04-13 13.16.162015-04-13 13.16.48
Conosco un luogo
che ogni giorno si riempie di sole
e tutto è rapito in quel momento.
(G. Ungaretti)
      

Credo sia questo il vero amore:

avere l’impressione di stare al centro della propria vita, non ai margini.

Nell’angolo giusto. Senza avere bisogno di sforzarsi per piacere all’altro, restare se stessi.

Katherine Pancol,

Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì

IL CHINOTTO…un frutto, una storia & Profumo di Chanel 5


 

cafe-liguria

 

Non c’è caffè dell’epoca che non ostentasse sul bancone  un vaso con un cucchiaio di maiolica (altra tradizione locale): uno dei piccoli vizi che si concedevano gli avventori della Bell’Epoque era quello di attingere il prezioso agrume verde immerso nel Maraschino.

Un piacere quasi sensuale, una complicità che si tramandava di generazione in generazione: prima i profumi e il colore intenso, quindi la buccia che resiste al morso per poi aprirsi alla polpa soda, dove si sposano a meraviglia il dolce e l’amaro.

 

Detto Savonese:

” Pelle dura, Cuore ❤️ tenero”

 

 

 

chinotto-verde

 

Il chinotto di Savona ha un profumo intenso e un equilibrio dolce-amaro tutto particolare…

 

liguria-cafe

 

La sua storia e’ piena di fascino…

Lo importa dalla Cina Meridionale un navigatore di Savona intorno al 500, e la piantò vicino al cimitero antico, lì trova l’ambiente ideale dove crescere rapido, rigoglioso e fruttificare.

La leggenda dice che anche le navi di sua maestà britannica di fermassero qui per far man bassa di questi agrumi così preziosi per evitare lo scorbuto durante la navigazione.

Siamo nel periodo della scoperta delle Americhe e Cristoforo Colombo che viveva vicino a queste zone utilizzava questo piccolo frutto come amuleto per tenere lontano le malattie del mare…e di certo è…

che fino agli inizi del 1900, il chinotto era venduto come medicinale rinvigorente alle marine francesi, inglesi e russe.

Ricetta “Vintage”

Chinotto verde al Maraschino

foto-26-01-17-17-15-46

chinotto-verde

  1. Prendete i chinotti, lavateli e asciugateli con delicatezza.
  2. Bucherellateli con un ago da lana, metteteli in un contenitore con dell’acqua, in modo che li sommerga completamente, e lasciateli a perdere l’amaro per un paio di giorni, cambiando l’acqua diverse volte al giorno.
  3. Fate bollire i chinotti per circa 15 minuti a fuoco dolce.
  4. Scolate i chinotti e tuffateli in una pentola con 1,5 litri di acqua in ebollizione, lasciateli bollire per una decina di minuti.
  5. Recuperate i chinotti con una schiumarola e gettate un kg di zucchero nell’acqua, fatelo cuocere fino ad avere uno sciroppo.
  6. A questo punto gettatevi i vostri chinotti, fateli cuocere per due o tre minuti e lasciate riposare il tutto per un giorno.
  7. Togliete i chinotti dallo sciroppo, portate quest’ultimo a ebollizione e gettatevi i chinotti, bollite un paio di minuti, spegnete, lasciate riposare un altro giorno.
  8. Ripetete questa procedura per altre 5 volte.
  9. Alla fine dovrete ottenere i vostri chinotti ricoperti da del denso sciroppo, e, diversamente da altra frutta candita, a questo punto non vanno fatti seccare ma lasciati nello sciroppo.
  10. Appena i chinotti saranno tiepidi unite il liquore scelto allo sciroppo, e versate il tutto in vasetti a bocca larga cercando di fare in modo che siano completamente ricoperti .
  11. I chinotti canditi sono ottimi da servire a fine pasto, oppure con il gelato alla crema per un dessert super

 

 

bibita-al-chinottodiscoteca-8
discoteca-10-2discoteca-2

 

Oggi se penso al chinotto:

Mi viene in mente la bibita gassata “Vintage”

dal sapore un po’ amaro e dal retrogusto dolce e delicato che accompagnava i miei pomeriggi domenicali in discoteca 💃.

discoteca-4discoteca-9discoteca-7discoteca-10

 

Questa bibita sorta nel periodo di guerra, quando l’Italia non poteva più importare bibite.Nacque quindi come bibita “autartica”aggiungendo dello zucchero caramellato per essere simile al colore della Coca Cola, supera indenne la guerra, ricostruzione e boom economico, poi l”eroico chinotto, viene dimenticato per qualche decennio…fino ai giorni nostri dove sembra sia di nuovo in Auge

    discoteca-62014-08-02-20-25-16
2015-01-01-16-21-24discoteca-1

qualcosa su di me:

Il chinotto è un piccolo agrume, simile al lime

Questa bibita, priva di coloranti artificiali, da bere freddissima, è molto dissetante. Vi consiglio di provarla in un pomeriggio assolato o sulla spiaggia, ma non provate MAI a berla pranzando o per accompagnare un panino.

Il chinotto è una bibita rigorosamente da fuori pasto.

I chinotti vanno bene anche se sono ancora verdi oppure appena arancioni; se avete una pianta vostra attenzione a non farli maturare troppo perché potreste trovarli secchi all’interno e quindi inutilizzabili.
Di solito si usa Maraschino come liquore ma la raffinatezza assoluta sarebbe il liquore al chinotto.

2015-01-01-16-05-55
foto-26-01-17-17-19-28

 

Ricetta

Ingredienti per un litro di chinotto

 

 

 

750 ml di acqua minerale gassata

100 g di caffè caldo

50 g di sciroppo di chinotto

50 g di zucchero di canna

Il succo di una arancia spremuta

Il succo di un limone spremuto

Nota: Nelle etichette dei chinotti, o almeno di quelle che veramente derivano dal chinotto, è scritto, tra gli ingredienti “estratto di chinotto”. Essendo questo prodotto praticamente introvabile si può provare a sostituirlo con lo sciroppo di chinotto che, sebbene non comunissimo. 

Procedimento

  • Sciogliete nel caffè lo zucchero di canna. Se il caffè è caldo questa operazione sarà più semplice. Aggiungete anche lo sciroppo di chinotto, mescolando. Quando il tutto è ben amalgamato lasciatelo raffreddare.
  • Mettete in una bottiglia di vetro dotata di tappo ermetico la preparazione precedente a base di caffè e sciroppo di chinotto, il succo del limone, il succo dell’arancia e mescolate, agitando la bottiglia tappata, per amalgamare gli ingredienti.
  • Ora riaprite la bottiglia e versate a filo, inclinandola per evitare che il gas si disperda, l’acqua gassata fino al riempimento della bottiglia stessa.
  • Con un “menarello” sufficientemente lungo mescolate il tutto delicatamente, anche qui per non far perdere troppa anidride carbonica alla preparazione.
  • Tappate ermeticamente la bottiglia e capovolgetela tre o quattro volte, lentamente, per mescolate ulteriormente, quindi mettetela in frigorifero a raffreddare.
  • Dopo circa un’ora potrete assaggiare il risultato del chinotto fatto in casa. Secondo i gusti, poi, potrete modificare la ricetta aumentando o diminuendo un po’ le dosi dei vari ingredienti.
  • Tempo di preparazione: 15 minuti
  • Tempo di raffreddamento: 1 ora

 

Il tratto di costa da Varazze a Finale, con al centro Savona, si rivelò il più adatto per l’acclimatazione di questa pianta sempreverde, alta non più di tre metri che produce dei piccoli frutti verdi tendenti all’aranciato con il progredire della maturazione. Citrus Aurantium, varietà amara, sub-varietà sinensis, dicono i testi scientifici. Insomma il chinotto comune, diverso dal Citrus myrtifolia coltivato prevalentemente in Calabria e in Sicilia, che serve per la preparazione della bevanda. Già perché il piccolo frutto ligure, per via delle sue dimensioni ridotte, all’incirca quelle di un mandarino, e del suo gusto amaro è praticamente immangiabile appena raccolto dalla pianta. Il segreto sta nella buccia, spessa e ricca di elementi aromatici e digestivi.

Un agrume ideale per la canditura: se ne accorsero per primi i francesi che poi – probabilmente per stare più vicini alle migliori zone di produzione – si trasferirono in Liguria. E così, nel 1877, la ditta Silvestre-Allemand si sposta da Apt, cittadina della valle della Durance, in Provenza, dove era in attività da circa un secolo, a Savona.

Inizia così un’epopea, quella del chinotto di Savona, che ha il suo apice fra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento.

 

2015-01-01-16-11-56

E poi parliamo di bellezza…

non c’è cosa più fantastica  per la pelle del viso

del mio “tonico al chinotto” 🌹

 

 foto-24-02-17-15-28-03chinotto-frutto3foto-24-02-17-15-30-29

 

Profumo di Chanel…

 

 

La storia dice che:

Il Chinotto  di Savona fosse uno degli ingredienti segreti della 1 versione di Chanel n5 . Si proprio quello… l’intrigante profumo notturno di Marylin Monroe

 

Il suo pigiama?

Nuda con solo 2 gocce di CHANEL 5

 

Per Concludere:

I “chinottari” sanno che non ha niente a che vedere con il “chinino” il vero chinotto è fatto con estratti dell frutto dell”agrume Chinotto di Savona il suo luogo natale è quello della Liguria con terreni ripidi di montagna e il mare ai piedi, luoghi di una bellezza unica con nell’aria profumi inebrianti di gelsomino, pitosforo, limoni e appunto il “chinotto”

 

 

 

2014-12-13-17-30-07

Se sei sensibile, non puoi cambiare,
hai una dote rara che ti nasce da dentro,
e la senti in ogni gesto, in ogni parola.
La senti ovunque. Purtroppo.
“Per fortuna” !

 

 

 

 

 

CURCUMA…l’ORO dei re magi & le mie “salutari”ricette Natalizie


abete-di-natale

adorazione-dei-magi-perugino

 

 

 

 

 

 

 

 

Particolare dell’Adorazione dei Magi…un dipinto del Perugino

2016-09-09-16-19-532015-07-29 18.01.56

 

Ero a Firenze  il 5 gennaio dello scorso Anno, ospite ad un party natalizio organizzato da un famoso  cardiologo che aveva operato a N.Y  al Mount Sinai Hospital; gli chiesi cosa volesse nella calza della befana! «Un po’ di curcuma» mi rispose. Dopo avermi fatto leggere decine di lavori sull’utilità del curry in cardiologia, capii che non scherzava affatto. E mi raccontò le origini di questa radice (con cui adesso si prepara il curry) sostenendo che l’oro portato in dono al Bambin Gesù dai Re Magi non fosse il vile metallo bensì la polvere di curcuma dall’intenso colore giallo oro, già da allora mescolata a pani e focacce per dare sì sapore ma anche (visto il suo forte potere antibatterico) per combattere le mille infezioni possibili nei paesi caldi.

 

adorazione-dei-magi3

adorazione dei MAGI del Perugino

CURCUMA…la PREZIOSA PIANTA

nel giardino di Nonsolononna

2015-07-29 18.01.56curcuma 

 

La mia ricetta natalizia …Biscotti alla Curcuma

ricetta

Cuori, angeli & C

ai Pistacchi e Curcuma

2016-12-13-19-52-492016-12-13-19-48-562016-12-13-19-44-40

ingredienti per 60 pezzi

40 g di burro

80 g di fruttosio

1 uovo bio

la scorza di 1/2 arancia bio

100 g di pistacchi non salati, sgusciati e tritati

150 g di farina di kamut bio

glassa reale “fatta in casa”

(vedi ric. nel BLOG)

2 piccoli cucchiaini di curcuma

3 cucchiai di pistacchi sgusciati non salati

2016-12-11-10-34-532016-12-11-11-57-48

2016-12-11-14-43-082016-12-11-14-45-492016-12-11-14-42-51

 

preparazione

biscotti & decori

  • In una terrina ammorbidire il burro.
  • Unire  fruttosio, uovo e scorza di arancia e amalgamare fino ad ottenere un composto omogeneo e chiaro.
  • Unire i pistacchi tritati finemente, la farina, il curcuma e formare rapidamente una palla di impasto, appiattirla leggermente.
  • Coprirla e metterla in frigo per 2 ore.
  • Su un ripiano spolverato con un po’ di farina, stendere poco per volta l’impasto a uno spessore di 7 mm circa.
  • Con i vari disegni di stampini natalizi tagliare l’impasto steso e disporre i biscotti su una placca foderata con carta da forno
  • Cuocere in forno per 8 minuti nella parte centrale preriscaldato a 180 gradi.
  • Sfornare e trasferire con la carta da forno su una griglia e lasciar raffreddare.
  • Preparare la glassa reale con curcuma (vedi ricetta nel blog).
  • Intingere o biscotti nella glassa.
  • Cospargere con i pistacchi e far raffreddare

2016-12-11-12-43-352016-12-11-12-50-012016-02-26-23-31-562016-12-11-13-57-192016-12-11-14-17-132016-02-26-23-31-28          2016-12-11-14-42-242016-12-11-14-17-23

e poi ancora curiosità:

 

2016-02-26-23-30-51

 

Ma anche gli altri doni dei Magi, oltre ad un forte valore simbolico, avevano una grande utilità nella vita comune.
La mirra è una resina profumata estratta dalla Commyphora, usata nella vita quotidiana come disinfettante e profumo. In campo medico veniva usata come anestetico: mirrato era il vino che il soldato romano offrì a Cristo sulla Croce per alleviarne le sofferenze. A duemila anni di distanza un lavoro pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature ci dice che la mirra ha, in effetti, gli stessi meccanismi di azione della morfina. E questo spiega perché sotto l’imperatore Augusto in ogni campo di battaglia, sui carri-ambulanza era obbligatorio avere la mirra.
Ancora più utile l’incenso, conosciuto per il suo uso in campo liturgico. Ma la pianta dell’incenso (Boswellia) ha ben altri meriti: i suoi componenti hanno proprietà antinfiammatorie, e, infatti, la boswellia viene comunemente usata nella moderna fitoterapia per la cura di artrite, artrosi, ma anche patologie più gravi quali ad esempio la colite ulcerosa.

2015-07-29 18.01.56curcuma-72016-11-27-16-30-20

 

La curcuma …è l’antinfiammatorio naturale più potente fra quelli individuati finora.

La curcuma va mescolata al pepe nero e diluita nell’olio di oliva per fare in modo che possa esprimere al meglio i suoi effetti.

 

curcuma-52016-11-27-16-20-04 

Curcuma:

  1. La curcuma protegge il fegato dai danni provocati da tossici ambientali e alimentari e da microrganismi patogeni.
  2. Stimola anche la produzione di bile, migliorando quindi la digestione dei pasti, le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti in particolare di quelli abbondanti e ricchi di grassi.
  3. Recenti studi ne hanno accertato scientificamente le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti

 

2015-07-29 18.01.562016-09-11-19-22-39
2016-08-05-20-18-13

e poi ancora:

una ricetta salutare

CURRY DI VERDURE E ANANAS

curcuma-3curcuma2
curcuma1curcuma
2015-07-29 18.01.56

 ingredienti

400 g di patate dolci
1 cipolla
200 g di sedano
1 ananas
1 cucchiaio d’olio d’arachidi
2 cucchiai di curry rosso in pasta
5 dl di latte di cocco
1 cucchiaio di salsa di soia

preparazione:

  • Pelate le patate dolci, tagliatele in quattro e poi a bocconi.
  • Cuocetele al vapore. Tritate la cipolla. Tagliate a pezzi il sedano e l’ananas.
  • Scaldate l’olio in un wock o in una padella ampia.
  • Rosolatevi il curry in pasta.
  • Soffriggetevi brevemente la cipolla e il sedano
  • Aggiungete il latte di cocco e fate cuocere il curry a fuoco lento per ca. 30 minuti.
  • Unite l’ananas e le patate dolci.
  • Insaporite il curry di verdure con la salsa di soia.

.

E quando amiamo, siamo felici senza un perché.. 

2014-12-11-15-41-012014-12-11-15-00-012014-12-13-17-25-002014-12-13-14-08-282014-12-13-14-09-35

la vita è fatta sì di impegno e cose serie e costruttive, ma anche di doni, di magia, di polvere di stelle…e noi siamo esseri che de-siderano: desiderare, etimologicamente, significa cercare di

prendere dalle stelle.

 

2015-02-23-18-03-43

Auguri dolcissimi a tutti!

 

 

 

IL SAMBUCO L’ALBERO AMATO DALLE FATE…ricette e magiche proprietà “dell’Albero di Holle”


2014-04-29 10.49.02

“Quando il primo bambino rise, la

sua risata si infranse in mille e mille

piccoli pezzi che si dispersero

scintillando per tutto il mondo: così

nacquero le fate”

(James M.Barrie, Peter Pan)

Ma non solo la bellissima Regina delle Fate abitava il sambuco…

 

Miriadi di elfi e coboldi si nascondevano al suo interno, e mentre i primi prediligevano i suoi cespugli, i secondi preferivano di gran lunga accoccolarsi nel tenero midollo dei suoi ramoscelli. Nella bella festa di Mezz’Estate, tra gli abitanti degli antichi paeselli pagani, si usava andare alla ricerca dello spirito del sambuco, danzando intorno alla pianta con coroncine fatte con i suoi fiori tra i capelli, e si può presumere che le fate stesse si divertissero a danzare insieme alle donne e agli uomini, in una splendida gioia condivisa.

Il sambuco è un albero molto amato dalle fate e dalle luminose entità che abitano il magico mondo al di là del velo del visibile.

I suoi colori mostravano soprattutto la Dea nel suo triplice volto, in cui i fiorellini delicati, profumati e bianchi rappresentavano la Fanciulla Vergine, il verde dei rametti e delle foglie la Madre rigogliosa e le bacche nero violacee la Strega oscura.

Ma nonostante questo, secondo le tradizioni, era l’aspetto più potente e incontrollato della Strega a prevalere nel sambuco, a tal punto che si credeva che l’albero non fosse realmente un albero, ma una strega trasformata in albero, o un qualche simile essere inquietante e pericoloso.

Per questo il sambuco era associato all’oscurità, alla magia, alla divinazione, ma anche al viaggio verso le profondità della terra bruna e, in particolar modo, alla morte.

2014-05-09 17.22.322014-04-29 10.48.332014-04-29 10.49.232014-05-09 17.22.09

 

Il profumo dei fiori si diceva che portasse nell’Altromondo, e dormire sotto le sue fronte poteva voler dire non svegliarsi mai più: l’anima sarebbe stata rapita dalle creature fatate e non sarebbe più tornata ad abitare il corpo, abbandonato al sonno eterno.

 

Ricette tutta salute…

Bevanda rinfrescante di sambuco:

  •  porre sette grandi ombrelle di fiori di sambuco e due o tre fette di limone in sette litri d’acqua fredda per tutta la notte. Il giorno seguente far bollire la bevanda per qualche minuto e addolcirla con circa un kg di zucchero o con miele, a seconda dei gusti. Imbottigliare e bere nei mesi caldi.

I fiori, invece, sono un ottimo depurativo e diuretico, possono essere adoperati per contrastare il raffreddore e le malattie invernali quali influenze e febbri lievi (sono febbrifughi, rilassanti e stimolano la sudorazione), e sono un buon rimedio contro i geloni e la bronchite. Inoltre sono disintossicanti, curano gli occhi (irritazioni e orzaiolo) e, se usati in lozione, rendono la pelle morbida.

 

 

Succo di bacche di sambuco:

  •  questo succo è un ottimo curativo e ostacola le infezioni. Per prepararlo lasciar cuocere per qualche minuto (5 circa) 80 g di bacche mature. In seguito pestare bene le bacche e filtrare. Addolcire la bevanda calda con zucchero o miele e berne un bicchierino.

Le bacche curano le infiammazioni di bronchi e polmoni, se consumate in sciroppo; sono ricche di vitamine e quindi utili per prevenire raffreddamenti invernali, rinforzano il sistema immunitario e, sempre consumate in sciroppo, curano le infezioni. Inoltre sono lievemente lassative, e quindi ottime contro la stitichezza.

 

2013-08-07 15.31.282013-08-07 15.29.402013-06-26 21.34.152013-08-07 15.27.17

Ricetta veloce…

Frittelle di sambuco:

preparare una normale pastella per frittelle e, dopo averli accuratamente lavati e privati degli steli, immergere i fiori nell’impasto (una ombrella di fiori per ogni frittella, o meno a seconda dei gusti).

Ingredienti

100 g di farina bianca

200 ml di latte

2 cucchiai di succo di sambuco

1 tuorlo d’uovo

1 presa di sale

1 albume montato a neve

olio per friggere

come fare:

  • Mescolare gli ingredienti con la frusta e lasciare riposare per 30 minuti.
  • Incorporare alla pastella poco prima di friggere la corolla di fiori (la pastella deve essere un poco liquida altrimenti aggiungere latte)
  • Riscaldare l’olio in una padella.
  • Immergere i fiori nella pastella, friggere nell’olio caldo, asciugare con carta assorbente.
  • Se dolci cospargere le frittelle con zucchero grezzo, si può aggiungere una marmellata di bacche di sambuco e mele diluita con un poco di succo di sambuco.

e poi ancora…

Ricetta 

Torta ” delle fate”

 

2014-05-20 15.57.492014-05-22 21.13.24

ai fiori di sambuco- fiori di acacia e pere

ingredienti

per una tortiera di 30 cm di diametro

240 d di farina integrale

100 g di nocciole macinate

120 g di burro bio

3 cucchiai di fruttosio

1 cucchiaio di cannella

1 presa di sale

1 cucchiaio di quark

come preparare la pasta base della torta

  • Lavorare la farina e gli altri ingredienti sbriciolando la massa con le dita
  • Amalgamare velocemente velocemente il tutto in modo da formare una palla
  • Lasciare riposare per 30 minuti
  • Spianare su carta da forno, spolverando con un po’ di farina, stendere su una teglia rotonda.
  • Distribuire sul fondo della torta le nocciole macinate

 

ingredienti per l’impasto

3 uova bio

250 ml di panna

2 cucchiai di quark( o mascarpone)

4 cucchiai di succo di sambuco

80 g di fiori di sambuco

50 g di fiori di acacia

3 pere grattugiate

come fare:

  • Mescolare la panna il mascarpone o quark il succo di sambuco i tre tuorli di uova e lo zucchero.
  • Amalgamarli insieme con la frusta fino a formare una pastella.
  • Aggiungere poi i fiori di sambuco e acacia e le 3 pere grattugiate.
  • Versare sulla base precedentemente preparata e cuocere in forno preriscaldato a 180°, se possibile con calore inferiore per circa 50-60 minuti
  • Lasciare raffreddare prima di servire.

2014-05-22 14.37.132014-05-22 17.51.112014-05-22 14.39.212014-05-22 17.52.19      2014-05-22 17.51.242014-05-22 17.46.412014-05-22 18.06.332014-05-20 15.57.302014-05-22 18.01.042014-05-22 20.18.11

 

Certe notti sembra che tutto possa accadere, si finisce a pensare, se si è da soli, oppure a parlare, se si è in compagnia, e il mondo si dilata in possibilità infinite…

 

2012-07-03 20.14.342014-04-29 10.49.232012-07-03 20.14.082013-08-07 15.32.532013-06-26 21.34.15

 

Proprietà: Una delle tradizioni contadine legate al sambuco e alle sue proprietà medicinali era quella di inginocchiarsi sette volte di fronte alla pianta, perché sette sono le parti del sambuco utilissime per la cura dell’uomo: i germogli, le foglie, i fiori, le bacche, la corteccia, le radici e il midollo. I germogli sono utili per calmare la nevralgia, preparati in decotto consumato caldo.Le foglie curano le malattie della pelle, se applicate come impacchi, ma possono anche calmare il dolore e l’infiammazione di scottature e ferite. Insieme ai fiori curano le emorroidi e gli ascessi.

 

2013-05-23 20.25.472014-05-09 17.22.242013-03-31 17.47.01

L’essenza del sambuco è mutevole, inafferrabile.

È un’essenza in cui il volto della Strega oscura e quello della Fata luminosa si uniscono in un unico essere dalla magia ambivalente, pericolosa da un lato e estremamente benevola dall’altro.

La Strega che lo abita ricorda i rapaci notturni, la cui vista è in grado di penetrare il buio più nero, e l’albero stesso forniva, con la sua linfa, una magica sostanza che avrebbe mostrato la verità oltre il visibile. Il sambuco cela tra le sue venature e i solchi della sua ruvida corteccia gli Occhi Nascosti, quelli in grado di vedere oltre il velo della materia.

Il suo Dono è la Visione Divina, la magia che fa scostare i veli della nebbia e fa intravedere il Mondo al di là di essi e le eteree creature che lo abitan0.

2014-11-16 08.51.252013-08-07 15.31.282014-11-16 09.03.172014-04-29 10.49.132014-11-16 08.50.592014-11-16 08.51.54

Tutti poteri insiti nello spirito del sambuco e connessi alla sua natura oscura. 

I nomi con cui veniva chiamato rispecchiano tutti l’amore e il rispetto reverenziale che si provava nei confronti di questo splendido essere vegetale.

“Nostra Signora” o “Madre Sambuco”, tra i celti, e “Albero di Holle” (holun tar) tra i germani.

Quest’ultimo richiamava la leggenda nordica secondo cui una magnifica fanciulla dai capelli color dell’oro abitasse l’albero di sambuco. Ella amava questo albero soprattutto se cresceva vicino a sorgenti e fiumi, cascatelle e ruscelletti, in cui poteva bagnarsi come una ninfa dei boschi.

La misteriosa fanciulla non era altri che Holle (Holda/Holla), la Regina delle Fate e Dea nordica, la quale poteva apparire in queste vesti affascinanti, ma poteva anche mostrarsi nella guisa di una strega terribile, con lunghe e pericolose zanne e lineamenti alquanto selvatici. Ella, infatti, era sì la splendente e luminosa Madre, ma era anche Signora del regno sotterraneo ed infero, ed era quindi legata al potere ctonico e alla Morte.

Nell’aspetto di una bizzarra donnina con lunghe e pericolose zanne, Holle appare nella dolcissima fiaba Frau Holle (Signora Holle), trascritta dai fratelli Grimm, in cui ella (chiaramente più simile ad una strega che ad una fata) rappresenta la madrina nutrice e la Maestra che aiuta le fanciulle meritevoli nel loro cammino iniziatico verso la conoscenza dei mondi sottili.

 

 

l’altra sera, tardi, era ormai notte, soffiava un  vento quasi estivo…ho aperto le finestre e sono rimasta un momento a sentire il frusciare delle foglie, lo spaurirsi dei rami, il suono del vento che si infiltrava tra i muri.  Ho sentito strani fruscii nelle tenebre… chissà forse erano le fate.

 

 

2016-04-20 05.39.33
2013-12-18 17.58.45

Vi auguro un’estate di innamoramenti,

fonte di vita fantastica e di gratitudine!

 

 

 

 

 

GELSO e AMARENE…i frutti dimenticati, ricette & storia post 1


Il gelso un’autentica rarità:

Il gelso l’albero della seta: splendido tessuto creato dall’imperatore Huang Ti

che ne fece dono alla moglie quattordicenne.

Si narra che:

” Quando Dario III si arrese ad Alessandro Magno era vestito con abiti di seta talmente splendidi da indurre il vincitore a richiedere come bottino di guerra tonnellate di quel preziosissimo tessuto. Le carovane portarono la seta addosso di cammello dal cuore dell’Asia a Damasco in Siria, il punto di incontro commerciale tra Oriente e Occidente. La seta divenne un genere di lusso molto apprezzato anche in Grecia e poi a Roma. Giulio Cesare pretese per decreto che la seta fosse destinata al suo uso personale e alle toghe dei suoi ufficiali”

2015-06-20 19.39.192015-06-22 14.41.262015-06-20 19.39.282014-06-10 13.43.182014-06-10 13.31.122014-06-10 13.23.472014-06-10 13.30.422014-06-10 13.47.372015-06-22 20.24.132015-06-20 19.43.242015-06-24 09.21.362015-06-23 15.31.292014-06-10 13.32.532015-06-24 16.24.20

 ricetta

Composta di Amarene e more di gelso

2015-06-23 14.28.252014-06-10 13.42.452015-06-24 09.21.36 - Copia2015-06-24 09.19.21

ingredienti 

800 g di more di gelso

400 g di amarene snocciolate

1 bicchierino di maraschino

300 g di fruttosio

1 limone

1 l di acqua

come fare:

  1.  Mondate , lavate e lasciate scolare le more di gelso.
  2. Nel frattempo portare a bollore l”acqua con o zucchero.
  3. Quindi versate le more e cuocete ancora per qualche minuto.
  4. Snocciolate le amarene e cuocetele 2 minuti con limone e 3 cucchiai di maraschino.
  5. Aggiungetele poi alle more precedentemente preparate fate cuocere ancora per 1 minuto amalgamare bene i 2 sapori.
  6. Raccogliere i frutti con una schiumarola e metteteli da parte.
  7. Aggiungere al liquido la scorza di limone far sobbollire e rimettere di nuovo il composto di frutta, finché non si sarà ben addensato.
  8. Mettere ancora caldo nei barattoli e sterilizzateli per 10 minuti da quando l’acqua comincia a bollire.

2015-06-15 19.23.362015-06-23 15.31.292015-06-23 14.28.342015-06-22 14.41.502015-06-15 12.57.28

 Il Gelso…chi sono

2015-06-15 15.38.032015-06-13 13.09.252015-06-05 16.44.53

Il mio nome in latino è” Morus Celsa” che significa “more in alto” ho questo nome per distinguermi dalle more di rovo,posso raggiungere 15 metri di altezza e vivere 150 anni. Le mie more si chiamano “nigra” quella nera e “alba” quella bianca.

Le mie proprietà sono molteplici:

  • l’infuso delle mie foglie come antibiotico
  • la mia corteccia e le mie radici, hanno proprietà analgesiche, diuretiche, combattono i parassiti intestinali
  • i miei frutti sono ottimi lassativi e diuretici.
  • Con il decotto delle mie more e zucchero si può fare uno sciroppo espettorante e sedativo della tosse.
  • la ” morus alba” ha proprietà antireumatiche e rinfrescanti.

Crostata meringata di ciliegie

con Composta di more di gelso e amarene


2015-06-24 09.20.52

dosi per 6 persone

Per la pasta frolla

ingredienti per la farcitura e per la rifinitura

700 g di ciliegie nere

gelatina di rose (per la ricetta vedi post)

https://nonsolononna.wordpress.com/2015/06/14/gelatina-di-pe…i-del-tramonto

composta di gelso e amarene (vedi ricetta nel post)

4 bianchi di uovo

4 cucchiai di zucchero a velo

1 spicchio di limone


2015-06-23 19.04.322015-06-23 19.36.16

come fare:

come fare per la rifinitura:

  • Montare gli albumi tenuti da parte con lo zucchero a velo e il succo dello spicchio di limone, trasferirli poi in una tasca da pasticciere.
  • Togliere la crostata dal forno, ricoprirla con ciuffetti di albumi e passate sotto al grill per 10 minuti.
  • Servite la crostata fredda.

2015-06-22 20.20.452015-06-22 20.25.432015-06-22 20.47.012015-06-23 19.04.422015-06-23 19.33.392015-06-23 19.31.482015-06-24 16.24.202015-06-24 16.24.41

La leggenda dice che:

Ovidio narra che Piramo e Tisbe, i Romeo e Giulietta dell’età più moderna, osteggiati nel loro amore dalle rispettiva famiigliie, si uccisero e che il loro sangue colorò di nero le more bianche dell’albero di gelso…ma sono solo legge nde perchè le 2 specie già esistevano.

      2015-01-31 17.11.502014-12-31 09.31.232015-01-10 13.50.572015-01-19 17.03.22

 

dedicato a te…che adori le ciliegie, quanto i nostri rifugi segreti<3<3<3

Fuoco per la vita, IL ROSMARINO…ricette per spirito, sensi e corpo, post 1°


Non c’è aiuola nel mio giardino che non abbia una pianta o due di rosmarino… stranamente e venuta la rima, ma è cosa veritiera, adoro questa meravigliosa pianta, ha in se tante qualità che è impossibile non darle il titolo di ” Fuoco per la Vita”.

Il Rosmarino nel linguaggio dei fiori è ” portatrice di felicità” è anche considerato  il simbolo di fedeltà per gli innamorati.

2015-04-01 16.15.232015-03-30 15.46.142015-03-30 15.48.32

La Pianta del Rosmarino è da sempre abbinata ai simboli magici, alle tradizioni e leggende

Shakespeare scriveva: “Ecco del Rosmarino, questo è la rimembranza; Vi prego Amore ricordate…” frase che Ofelia diceva ad Amleto, in cui il Rosmarino simboleggiava la memoria.

2015-04-01 16.14.412015-03-30 15.49.03

La sua essenza ravviva lo spirito, risveglia i sensi e riscalda il corpo, è stimolante per l’irrorazione sanguigna e normalizza la pressione troppo bassa, potenzia la digestione debole, migliora la concentrazione lenisce i dolori muscolari e articolari.

Cerco di usarla più spesso possibile nelle mie ricette, ma la ricetta che a Primavera non manca mai nella mia cucina è il ” Vino al rosmarino”.

Lo uso come ricostituente,(2-3 bicchierini-(ini mi raccomando) al giorno accrescono la voglia di vivere e risvegliano i sensi), ma soprattutto è immancabile nei miei arrosti… sfumandoli a fine cottura con questo vino, il profumo del rosmarino aromatizza la carne, le patate o qualsiasi altro contorno.

Ricetta

” Vino al Rosmarino”

 

2015-04-27 11.54.332015-04-15 16.43.592015-04-27 11.53.482014-02-18 14.24.00

 

  1. Riversare 0,7 l di buon vino bianco su 20 g di foglie di rosmarino.
  2. Lasciare riposare per 7 giorni a temperatura ambiente.
  3. Passare a colino e rimettere nella bottiglia originale del vino stesso.     

 

Dal giardino dei semplici:

Rametti di rosmarino, insieme a salvia, ruta e menta era tra le erbe utilizzate per l’acqua di San Giovanni, nella notte del solstizio d’estate, infatti questi rametti di erbe erano posti in una bacinella di acqua esposta alla luna. La rugiada della notte santa si mescolava all’acqua, che acquisiva poteri taumaturgici.

2012-05-05 19.36.382015-04-01 16.15.14

 

***

 Virginia Galilei, figlia di Galileo, suora in un convento di Arcetri, ricorda nei suoi scritti la delicata:

“Marmellata ai fiori di rosmarino”

 

2015-04-04 14.00.27

 

100 g di fiori di rosmarino

200 g di acqua

300 g di  zucchero

 

Preparazione

  • Pulire i fiori di rosmarino distaccandoli dai rametti e mondati da tutte le foglie.
  • Quindi si pestano dolcemente in un mortaio per ottenere una pasta omogenea.
  • A parte preparare lo sciroppo facendo bollire l’acqua con lo zucchero
  • Al pesto di fiori si unisce lo sciroppo ancora caldo e si fa bollire per qualche minuto.
  • Il composto va quindi invasato avendo l’accortezza di sterilizzare per una ventina di minuti a bagnomaria

2015-03-30 15.47.412015-04-01 12.44.232015-04-01 12.45.352015-03-30 15.48.272015-04-04 14.00.36

Queste 2 ricette le uso entrambe in questa deliziosa ricetta :

Arrosto di Arista

in “crosta di arancia e rosmarino”

 

2015-05-02 21.23.212015-05-02 21.29.08

 

 

 ingredienti per 4 persone

3 arance

4 rametti di rosmarino

1 bicchiere di vino al rosmarino

e qualche cucchiaio di marmellata di rosmarino

1 mazzetto di prezzemolo

6 cucchiai di olio extra vergine di oliva

2 tuorli

30 g di pangrattato

800 g di arista

sale e pepe

1 cucchiaio di burro per arrostire.

2015-04-01 16.14.412015-05-02 16.26.122015-05-02 16.49.542015-05-02 16.58.012015-05-02 17.06.522015-05-02 17.11.502015-05-02 21.23.522015-05-02 21.27.32

preparazione:

  1. Scaldare il forno e una teglia a 100°, per la crosta grattugiate la scorza di 1 arancia. Tritate finemente il rosmarino e il prezzemolo e mescolateli con l’olio e i tuorli.
  2. Condite la carne con salvia e pepe, rosolatela nel burro per arrostire a fuoco forte per circa 10 minuti, bagnatela con il vino al rosmarino toglietela poi dalla padella, e tenete da parte la salsa rimasta nel fondo.
  3. cospargete il pezzo di arista con abbondante strato di marmellata di rosmarino, poi distribuite sulla carne la miscela per la crosta e premetela bene.
  4. Tagliate l’arancia a fette e accomodatele sulla teglia calda, sistemate poi la carne sulle fette di arancia e cuocete a bassa temperatura 160° al centro del forno per circa 1 ora e 40 minuti, la temperatura interna della carne deve raggiungere i 65°C.
  5. Bagnate il fondo di cottura della carne con il succo di arancia, aggiungete la salsa precedentemente recuperata dal fondo della prima cottura, e portate a ebollizione. Accompagnate con delle patate dolci arrosto e fiori d’arancio.

 

Curiosità

  • Nell’Antica Grecia il rosmarino era dedicato ad Afrodite, dea dell’amore. Come simbolo di amore,fertilità e fedeltà, una corona di rosmarino ornava nei matrimoni la testa della sposa.
  • Nel 16° secolo il rosmarino venne anche considerato come elisir di giovinezza.
  • L’essenza acqua della ” Regina Isabella d’Ungheria”, estratta dalle foglie fresche è entrata nella storia come primo profumo distillato. Aveva ricevuto l’acqua da un eremita come rimedio contro i dolori reumatici, stimola la circolazione sanguigna e contrasta così l’ipotomia.
  • Fa sparire la stanchezza e accresce l’efficenza.
Brainisntafterthought

HER YENİ GÜN YENİ BİR SEN OL

WilliWash

A Magazine That Delves Into All Things LIFE.

La poesia porta lontano - Poetry goes far away

Marco Vasselli's blog from 2006 - Powered by Sabina , Laura Lena Forgia, Alexis Ghidoni , Anna Guarraia, Carlo Gori ♥ Undicesimo anno ♥

Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

Chiara Monique

Official Blog

loshame.wordpress.com/

Fashion Blogger

AMERICA ON COFFEE

Americans' daily coffee ritual.....

VALENTINE MOONRISE

Parole di una sconosciuta

lettererumorose

Chi accumula libri accumula desideri; e chi ha molti desideri è molto giovane, anche a ottant’anni. (Ugo Ojetti)

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA