vitalba, ortica…erbe spontanee un pieno di salute

Riconoscimento Sito di qualità
 
Vieni con me! devi affrettarti però
 sette lunghe miglia
 io faccio ad ogni mio passo.
Dietro il bosco e il colle
aspetta il mio cavallo rosso.
Vieni con me! Afferro le redini-
vieni con me nel mio castello rosso.
La crescono alberi blu
con mele d’oro,
là sogniamo sogni d’argento,
che nessun altro può sognare.
La dormono rari piaceri,
che nessuno finora ha assaggiato,

sotto gli allori baci purpurei-

Vieni con me per boschi e colli!

tienti forte! Afferro le redini,

e tremando il cavallo ti rapisce.

Hermann Hesse

Tra le erbe spontanee di  “Villa Ceppeto”
Vitalba appena raccolta…
Ricette
 con “erbe spontanee”
“Spatzle di Ortica e Vitalba”
 conditi con:
 tarassaco, bocci di cardo, pomodorini e formagella di pecora
ingredienti
150 di ortica
150 g di germogli di vitarba
150 g di farina 00 
150 g di farina di grano saraceno
180 ml di acqua
3 uova
1 cipolla
olio extra vergine di oliva 
sale.
Come fare:
  • Lavare le foglie di ortica e staccare i germogli di Vitarba dal tralcio sbollentarle e saltarle in padella con olio extravergine  e cipolla.Metterle nel mixer con le uova un pizzico di sale e l’acqua.
  • Quando il tutto risulta amalgamato trasferire in una ciotola e con l’aiuto di una frusta aggiungere la farina a poco a poco.
  • Lasciate riposare il composto per 1/2 ora e nel frattempo mettete a bollire l’acqua salata.
  • Quando l’acqua bolle posizionare lo spatzlhotbel sulla pentola, mettere il composto nell’apposita vaschetta scorrevole, lacsiare fuoriuscire gli gnocchetti direttamente nella pentola.
  • Cuocere per 2 minuti da quando riaffioreranno iin superficie.
  • Condirli a piacere nella foto il condimento è composto da pomodorino, aglio, foglie giovani di tarassaco,bocci di cardo,formagella di pecora.
I miei Consigli :
  1. gli spatzle (piccolo passero) sono dei piccoli gnocchetti a forma irregolare originari della Germania meridionale, molto diffusi anche in Tirolo, Alsazia, Svizzera, e Italia Settentrionale.
  2. Per ottenerli si utilizza uno strumento simile ad una grattugia con una superficie piena di fori (spatzlhobel). La pasta viene fatta passare dai fori ed è subito tagliata, in modo che non si allunghi troppo. Si formano così delle gocce che cadono nell’acqua bollente.
  3.  Io spesso li faccio manualmente,formo degli spaghetti irregolari tipo Pici che poi taglio.
  4. La quantità di acqua può variare, l’importante è di arrivare ad avere un composto non troppo liquido e non troppo duro.

 Germogli di Vitalba

curiosità…

La Vitalba
Il nome deriva dalla sua somiglianza con la vite, in greco infatti Clematis= tralcio di vite. Sono commestibili soltanto i getti giovani con foglioline appena accennate nella parte finale della pianta.(nelle foglie grandi sono presenti principi tossici  ed irritanti detti alcaloidi)Nei giovani getti,tali sostanze sono presenti in modo irrilevante, e al calore perdono totalmente la loro tossicità.
 
Annunci

5 responses to this post.

  1. adoro gli spatzle sono i cosidetti gnocchetti tipici della mia zona…

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

The Godly Chic Diaries

Smiling • Writing • Dreaming

Brainisntafterthought

HER YENİ GÜN YENİ BİR SEN OL

WilliWash

A Magazine That Delves Into All Things LIFE.

La poesia porta lontano - Poetry goes far away - 🇮🇹

Marco Vasselli's blog from 2006 - Powered by Sabina , Laura Lena Forgia, Alexis Ghidoni , Anna Guarraia, Carlo Gori ♥ Undicesimo anno ♥

Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

Chiara Monique

Official Blog

loshame.wordpress.com/

Fashion Blogger

AMERICA ON COFFEE

Americans' daily coffee ritual.....

VALENTINE MOONRISE

Parole di una sconosciuta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: